1

Lo studio è stato pubblicato simultaneamente sul sito degli Annals of Internal Medicine.

In studi animali e osservazionali, l’integrazione di vitamina E ha dimostrato di prevenire le malattie cardiovascolari e il cancro. Tuttavia, altri studi hanno suggerito che alte dosi potrebbero essere dannose.

Per determinare se c’è una “risposta alla dose”, i ricercatori hanno esaminato diverse dosi di integratori di vitamina E e il rischio di morte per qualsiasi causa. Hanno studiato i tassi di morte negli studi clinici pubblicati, confrontando l’integrazione di vitamina E con il placebo e hanno incluso i risultati di 14 studi, dal 1993 al 2004. Le dosi variavano da 15 a 2000 UI/giorno, e l’assunzione media era di circa 400 UI al giorno.

“Dosi crescenti di vitamina E sono state collegate ad un aumento della morte”, ha detto l’autore principale Edgar R. Miller, M.D., Ph.D, professore associato di medicina alla Johns Hopkins University di Baltimora, Md.

Secondo l’analisi, non c’è un aumento del rischio di morte con una dose di 200 UI al giorno o meno, e potrebbe anche esserci qualche beneficio. Tuttavia, un aumento del rischio è stato trovato a quantità superiori a 200 UI al giorno e un rischio significativo di morte è stato trovato a partire da 400 UI al giorno. Quelli che prendono più di 400 UI di vitamina E al giorno hanno circa il 10 per cento in più di probabilità di morire rispetto a quelli che non lo fanno, hanno detto i ricercatori. “Molte persone che prendono integratori di vitamina E prendono tra 400 e 800 UI in una singola capsula”, ha detto Miller.

pubblicità

La confusione per molti, ha detto Miller, è che alcuni medici hanno raccomandato l’integrazione di vitamina E sulla base di studi che suggeriscono che è utile per malattie specifiche. Uno studio su persone con una storia di attacco cardiaco precedente ha mostrato che l’uso della vitamina E era correlato a un rischio inferiore di avere un secondo evento. In un altro studio, i pazienti con malattia renale allo stadio terminale sembravano trarne beneficio. Tuttavia, in entrambi questi studi (in effetti, in sette degli otto studi sulla vitamina E ad alte dosi in questa analisi) i pazienti con supplementazione di vitamina E avevano più probabilità di morire di quelli nel gruppo placebo.

“Tipicamente, otteniamo circa 6-10 UI al giorno di vitamina E nella nostra dieta. Oli vegetali, noci e verdure a foglia verde sono le principali fonti alimentari di vitamina E. L’integrazione può aumentare l’assunzione di 100 volte”, ha detto Miller.

I ricercatori hanno detto che le attuali linee guida dietetiche degli Stati Uniti non raccomandano l’integrazione di vitamina E, ma indicano che il limite superiore tollerabile di assunzione è di 1000 IU al giorno.

Questi risultati sono paralleli ai risultati di prove di integrazione di beta carotene. Due studi importanti hanno dimostrato che l’integrazione di beta carotene provoca un aumento del rischio di cancro ai polmoni e di morte. E, di conseguenza, non vedrete mai più raccomandati gli integratori di beta carotene”, ha detto.

C’è spazio per ulteriori ricerche, tuttavia, sugli effetti di 200 UI o meno al giorno di vitamina E e come basse dosi prese in combinazione con altre vitamine potrebbero influenzare positivamente i tassi di mortalità, ha detto.

“Le grandi domande a cui bisogna rispondere sono: Qual è la dose? E quanto bassa è la dose – in quale combinazione – sarebbe più utile?”. Miller ha detto.

I coautori sono Roberto Pastor-Barriuso Ph.D.; Darshan Dalal M.D., M.P.H.; Rudolph A. Riemersma Ph.D.; Lawrence J. Appel M.D., M.P.H. e Eliseo Guallar M.D, Dr.P.H.

Le affermazioni e le conclusioni degli autori degli studi pubblicati nelle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono esclusivamente quelle degli autori degli studi e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’associazione. L’American Heart Association non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia riguardo alla loro accuratezza o affidabilità.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *