C’è un riflesso di radicamento nei bambini? Ecco cosa succede durante l’allattamento

Se non hai passato molto tempo intorno ai neonati prima di diventare mamma, potresti trovarti a meravigliarti di tutti i movimenti carini (e penetranti) che il tuo piccolo fa quando è ancora fresco e nuovo. Ti tengono la mano! (Beh, il dito.) Se li tieni in piedi, “ballano”! Oppure, oh, guardate come spingono le braccia in fuori come un piccolo schermidore alle Olimpiadi! Mi dispiace essere il portatore di cattive notizie, ma questi sono tutti riflessi (afferrare, fare un passo, e collo tonico, rispettivamente) e una parte normale dello sviluppo di un neonato. Se notate che il vostro bambino mette spesso la bocca in posizione di alimentazione, anche questo è un riflesso, chiamato “baby rooting”. Ecco cosa c’è da sapere sul riflesso di radicamento, incluso cosa succede in quella loro adorabile testolina.

Che cos’è il radicamento del bambino?

Il “radicamento” nei bambini si riferisce a un riflesso che avviene quando l’angolo della loro bocca viene toccato o accarezzato, spesso durante o appena prima dell’allattamento. Quando questo accade, il bambino gira la testa, apre la bocca e “rovista” intorno al seno o al biberon per mangiare qualcosa. E dato che si tratta di un riflesso, non c’è bisogno di insegnare al bambino a grufolare, è solo qualcosa che ha imparato nel grembo materno. Mentre sono lì dentro, sviluppano anche il loro riflesso di suzione, che è un’altra parte importante dell’alimentazione nelle prime settimane di vita.

Dopo circa quattro-sei mesi, quando il lobo frontale della corteccia cerebrale si sviluppa, un bambino in genere capisce questa cosa dell’alimentazione e comincia a girare volontariamente la testa verso il capezzolo – sia esso attaccato a un biberon o a un seno. E sì, naturalmente, è super carino quando lo fanno. Onestamente, però, non è diverso dal modo in cui cerchi di trovare la cannuccia del tuo caffè freddo con le labbra prima di assumere abbastanza caffeina al mattino (il che, siamo sicuri che sarai d’accordo, è decisamente meno carino).

Come si può testare il riflesso di radicamento nei bambini?

Non sei sicuro che il tuo bambino abbia sviluppato il riflesso di radicamento? Accarezzargli delicatamente la guancia o la bocca è un modo semplice per verificarlo. Se è pronto a grufolare, girerà la testolina verso il tuo dito o sembrerà che lo stia “grufolando” da una parte all’altra.

Quando si sviluppa il riflesso di radicazione?

I bambini nascono sapendo come localizzare il loro cibo (il vostro seno) e come accedervi (come succhiare/bere). Ma quando si sviluppa? A circa 28-30 settimane, il tuo bambino svilupperà questo riflesso di radicamento – quindi non dovrai preoccuparti di guidare la sua bocca verso il tuo capezzolo.

Il riflesso di radicamento del tuo bambino avviene prima, e poi il suo riflesso di suzione entra in azione quando il tuo capezzolo tocca il tetto della sua bocca. Ecco alcuni tempi di sviluppo da tenere a mente:

  • Il riflesso di suzione si sviluppa entro almeno 36 settimane di gravidanza.
  • Il riflesso di radicamento si sviluppa entro almeno quattro mesi di gravidanza.
  • Il riflesso di presa si sviluppa entro almeno 26 settimane di gravidanza.
  • Moro, un riflesso di startle, è solitamente sviluppato dopo cinque o sei mesi di gravidanza.

Cosa è “normale” quando si tratta del riflesso di radicamento?

Come sapete, una grande parte dell’essere genitori implica chiedersi (ed eventualmente stressarsi) se il vostro bambino si sta sviluppando secondo i tempi previsti. Questa è una domanda che viene fuori frequentemente in relazione al riflesso di radicamento. Per esempio, mentre la maggior parte dei bambini nasce con il riflesso di radicamento, in alcuni neonati può richiedere più tempo per manifestarsi. Il riflesso di radicamento si manifesta tipicamente tra le settimane 28 e 30 di gravidanza, quindi può essere inizialmente un problema per i bambini prematuri nati prima di quel punto. Se questo è il caso, si può spremere il latte a mano per loro o guidare la loro bocca verso un capezzolo fino a quando non sono in grado di individuarlo da soli.

Dall’altra parte delle cose, se un bambino continua a grufolare oltre i sei mesi, si chiama un “riflesso di radicamento trattenuto”. Questo potrebbe potenzialmente portare a problemi, tra cui:

  • La lingua del bambino si posa in avanti
  • Estrema o ipersensibilità intorno alla bocca
  • Difficoltà con i cibi solidi e la consistenza del cibo
  • Succhiamento del pollice
  • Parlare e articolare difficoltà
  • I problemi nella masticazione e deglutizione del cibo
  • Sbavatura
  • Squilibrio ormonale

Se siete preoccupati per il riflesso di radicamento del vostro bambino (se non si è ancora sviluppato, o è rimasto in giro un po’ troppo a lungo), parlane con il tuo pediatra alla prossima visita del bambino.

In che modo il radicamento è diverso dalla suzione?

Potreste pensare, Hmm, il radicamento assomiglia molto alla suzione o al succhiare. E, in realtà, i meccanismi iniziali non sono terribilmente diversi – ma le differenze tra i due permettono loro di servire due scopi distinti. Il riflesso di radicamento, che viene prima, si riferisce alla capacità istintiva del tuo bambino di trovare un capezzolo (sia il tuo che quello di una bottiglia). Il riflesso di suzione si attiva quando il tetto della bocca del bambino viene toccato. E’ l’istinto del bambino che attira il capezzolo nella sua bocca e contrae i muscoli del labbro e della bocca in modo da fare un parziale “vuoto”. Questo vuoto gli permette di estrarre il latte.

Quali sono altri esempi di riflessi del neonato?

Oltre al radicamento, il neonato ha un intero arsenale di riflessi nella manica. Essi includono:

  • Riflesso del moro o dello startle
  • Riflesso del passo
  • Afferramento palmare
  • Riflesso del collo tonico
  • Riflesso dell’ammiccamento
  • Riflesso del vomito
  • Riflesso della tosse
  • Riflesso dello starnuto
  • Riflesso del ginocchio-riflesso del ginocchio
  • Riflesso dell’orientamento
  • Riflesso di Yan

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *