connotazione/denotazione

Una connotazione è la sensazione che una parola evoca. Ma prendete nota! La denotazione è ciò che la parola dice letteralmente. Se queste parole fossero in un viaggio, la connotazione sarebbe il bagaglio, e la denotazione sarebbe il viaggiatore.

Una connotazione è il bagaglio che una parola o un’idea si porta dietro. La parola “bagaglio” ha spesso una connotazione negativa. Se si dice che qualcuno ha un bagaglio, a meno che non sia all’aeroporto, si intende che la persona si sta trascinando dietro qualche dramma. Alcune parole, come “fantastica torta di compleanno”, hanno una connotazione positiva. Ecco altri esempi:

“Molto prima dell’era cristiana, la gente celebrava l’equinozio d’inverno. Rimuoviamo le connotazioni religiose e chiamiamolo pausa dell’equinozio d’inverno”. (Washington Post)

“Odio un po’ la parola ‘collezionista’ perché ha una tale connotazione di investimento finanziario”. ( Los Angeles Times)

“Bryan ha invece sempre optato per i berretti da baseball, un oggetto di moda che porta poche connotazioni se non un senso di casualità e giovinezza.” (The Guardian)

La denotazione è letteralmente la parola per una parola! È il significato letterale di una parola, un gesto, o un qualsiasi segno, senza emozione. Senza legami. La radice di denotazione significa “prendere nota”. Prendiamo nota di questi esempi:

“Infatti, l’ex allievo di ‘Parks and Recreation’ ha detto di non conoscere la denotazione medica della parola”. (Los Angeles Times)

“Il signor McDougall ha dato una strana carica ad un gesto che, nella danza barocca, ha probabilmente una denotazione semplice.” ( New York Times)

La gente ama leggere tra le righe, quindi la connotazione è più popolare, ma è spesso tenuta contro la sua amica più rigida denotazione.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *