La formula per calcolare il beta

Il beta è una misura usata nell’analisi fondamentale per determinare la volatilità di un bene o di un portafoglio in relazione al mercato generale. Il mercato complessivo ha un beta di 1,0, e i singoli titoli vengono classificati in base a quanto si discostano dal mercato.

Cos’è il beta?

Un’azione che oscilla più del mercato nel tempo ha un beta maggiore di 1,0. Se un’azione si muove meno del mercato, il suo beta è inferiore a 1,0. Le azioni ad alto beta tendono ad essere più rischiose, ma forniscono il potenziale per rendimenti più alti. Le azioni a basso beta comportano meno rischi ma tipicamente producono rendimenti più bassi.

Come risultato, il beta è spesso usato come misura di rischio-ricompensa, cioè aiuta gli investitori a determinare quanto rischio sono disposti a correre per ottenere il ritorno per l’assunzione di quel rischio. La variabilità del prezzo di un’azione è importante da considerare quando si valuta il rischio. Se si pensa al rischio come alla possibilità che un’azione perda il suo valore, il beta è utile come proxy del rischio.

Come calcolare il beta

Per calcolare il beta di un titolo, bisogna conoscere la covarianza tra il rendimento del titolo e quello del mercato, così come la varianza dei rendimenti del mercato.

Beta=CovarianzaVarianzadove:Covarianza=Misura del rendimento di un titolo rispetto a quello del mercatoVarianza=Misura di come il mercato si muove rispetto alla sua media\begin{aligned} &

testo{Beta} = \frac{ \testo{Covarianza} = \varianza } &

extbf{where:} &{Covarianza} = \testo{Misura del rendimento relativo di un’azione} &

&

di un titolo rispetto a quello del mercato &

&{Varianza} = \misura di come il mercato si muove relativamente} &

di come il mercato si muove rispetto alla sua media. \\ Beta=VarianzaCovarianza dove:Covarianza=Misura del rendimento di un’azione rispetto a quello del mercatoVarianza=Misura di come il mercato si muove rispetto alla sua media

La covarianza misura come due azioni si muovono insieme. Una covarianza positiva significa che i titoli tendono a muoversi insieme quando i loro prezzi salgono o scendono. Una covarianza negativa significa che i titoli si muovono in modo opposto l’uno all’altro.

La varianza, d’altra parte, si riferisce a quanto un titolo si muove rispetto alla sua media. Per esempio, la varianza è usata per misurare la volatilità del prezzo di una singola azione nel tempo. La covarianza è usata per misurare la correlazione nei movimenti di prezzo di due azioni diverse.

La formula per calcolare il beta è la covarianza del rendimento di un’attività con il rendimento del benchmark, divisa per la varianza del rendimento del benchmark in un certo periodo.

Esempi di Beta

Il beta potrebbe essere calcolato dividendo prima la deviazione standard dei rendimenti del titolo per la deviazione standard dei rendimenti del benchmark. Il valore risultante viene moltiplicato per la correlazione tra i rendimenti del titolo e quelli del benchmark.

Calcolo del Beta per Apple:

Un investitore sta cercando di calcolare il beta di Apple (AAPL) rispetto allo SPDR S&P 500 ETF Trust (SPY). Sulla base dei recenti dati quinquennali, la correlazione tra AAPL e SPY è di 0,83. AAPL ha una deviazione standard di rendimento del 23,42% e SPY ha una deviazione standard di rendimento del 32,21%.

Beta di AAPL=0,83×(0,23420,3221)=0,6035\begin{aligned} &{Beta di AAPL} = 0,83 \volte \sinistra ( \frac{ 0,2342 }{ 0,3221 } \destra ) = 0,6035 \end{aligned}Beta di AAPL=0,83×(0,32210,2342)=0.6035

In questo caso, AAPL sarebbe considerato meno volatile di SPY, poiché il suo beta di 0,6035 indica che il titolo sperimenta teoricamente il 40% di volatilità in meno.

Calcolo del Beta per Tesla:

Immaginiamo che l’investitore voglia anche calcolare il beta di Tesla (TSLA) rispetto a SPY. Sulla base dei recenti dati quinquennali, TSLA e SPY hanno una covarianza di 0,032, e la varianza di SPY è 0,015.

Beta di TLSA=0,0320,015=2,13\begin{aligned} &{Beta del TLSA} = \frac{ 0,032 }{ 0,015 } = 2,13 \end{aligned}Beta di TLSA=0,0150,032=2,13

Quindi, TSLA è teoricamente il 113% più volatile di SPY.

1:23

Come si calcola il Beta in Excel?

La linea di fondo

I Beta variano a seconda delle società e dei settori. Molti titoli di utilità, per esempio, hanno un beta inferiore a 1. Al contrario, molti titoli high-tech sul Nasdaq hanno un beta superiore a 1, offrendo la possibilità di un tasso di rendimento più elevato, ma anche più rischioso.

È importante che gli investitori distinguano tra rischi a breve termine (dove il beta e la volatilità dei prezzi sono utili) e rischi a lungo termine (dove i fattori di rischio fondamentali del quadro generale sono più prevalenti).

Gli investitori che cercano investimenti a basso rischio potrebbero gravitare su titoli a basso beta, il che significa che i loro prezzi non cadranno tanto quanto il mercato generale durante le crisi. Tuttavia, quegli stessi titoli non saliranno tanto quanto il mercato generale durante i rialzi. Calcolando e confrontando i beta, gli investitori possono determinare il loro rapporto rischio-ricompensa ottimale per il loro portafoglio.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *