Pea Puffer 101: Cura, compagni di vasca, dimensioni e dieta

Il pea puffer (alias pesce palla nano) potrebbe essere una delle specie d’acqua dolce più carine del pianeta. Adoriamo assolutamente l’aspetto di queste piccole creature!

E non siamo soli.

Sono sempre di più gli acquariofili che iniziano a prendere in considerazione la possibilità di avere un pesce palla pisello. La loro popolarità è salita alle stelle negli ultimi anni!

Ma il loro aspetto carino non è l’unica ragione per prendere in considerazione questi pesci. Prendersi cura di loro è semplice una volta che si sa cosa fare, e il loro comportamento attivo li rende divertenti da osservare.

Ma se state pensando di prenderne uno dovrete prima istruirvi. La cura dei Pea Puffer richiede una forte conoscenza della specie se volete che prosperino nella vostra vasca.

Fortunatamente, questa guida copre tutto quello che dovete sapere sui Pea Puffer nani. Imparerete la cura di base, i compagni di vasca consigliati, il cibo che mangiano, e molto altro ancora!

Sommario della specie

Il pisello nano (Carinotetraodon travancoricus) è un pesce d’acqua dolce che è originario dei Ghats occidentali dell’India sud-occidentale. Alcuni dei suoi altri nomi comuni sono il pesce palla nano, il pesce palla pisello e il pesce palla pigmeo.

È possibile trovare questi pesci in una serie di fiumi e laghi principali di questa regione, come il fiume Chalakudy e il lago Vembanad. Questa specie è endemica in questa regione e sta vedendo un declino della popolazione a causa della pesca eccessiva, rendendo sempre più difficile vederli nel loro habitat naturale.

Anche se non è troppo tardi per invertire questa tendenza, è decisamente preoccupante. Anche se non stiamo consigliando di rimandare l’acquisto di un esemplare per te, ti consigliamo di fare qualche ricerca sul posto da cui li stai comprando.

Nota dell’autore: A causa della loro classificazione come “vulnerabili” sulla Lista Rossa dell’IUCN, è bene essere sicuri al 100% di essere pronti a prendersene cura prima di effettuare un acquisto. Mentre si dovrebbe fare questo con qualsiasi pesce che si ottiene, l’acquisto di un pea puffer che non si è pronti ha un impatto diretto sul declino della popolazione di questa specie.

Lifespan

La durata media di vita del pea puffer è di 4-5 anni. Come per tutti i pesci, la durata della loro vita dipende da un mix di genetica e qualità delle cure.

Se non fornisci loro la qualità delle cure di cui hanno bisogno, allora la possibilità che raggiungano i 5 anni di età è minima o nulla. Tuttavia, se seguite le nostre raccomandazioni di cura in questa guida, vivranno una vita lunga e felice.

Aspetto

Sebbene siamo tentati di descrivere l’aspetto di questo pesce come “adorabile” e lasciarlo così, entreremo nei dettagli per il gusto di essere accurati.

Il pesce palla ha un aspetto molto particolare che ha portato all’origine del loro nome. Questi minuscoli pesciolini che sembrano dei grossi piselli che nuotano!

I loro corpi hanno un aspetto piuttosto spesso e denso. La parte anteriore inizia leggermente a punta all’altezza della bocca e diventa più spessa verso la metà del corpo.

Le cose iniziano a ridursi significativamente una volta raggiunta la pinna dorsale. Il loro corpo si assottiglia fino a circa la metà della loro larghezza massima e rimane più o meno della stessa dimensione per tutto il peduncolo caudale.

Le pulcinelle nane hanno pinne molto piccole e poco appariscenti. Questo è ulteriormente esagerato dal fatto che sono per lo più traslucide.

Questo crea un effetto carino che fa sembrare che questi piccoli corpi tozzi siano mossi da pinne quasi inesistenti! Sembrano usciti da un cartone animato.

Le loro pinne dorsali sono circa due terzi del loro corpo e le loro pinne pettorali sono praticamente al centro della loro principale area di massa. Tutte queste pinne sono fondamentalmente della stessa dimensione.

Le pulcinelle di mare hanno anche una pinna caudale dall’aspetto interessante. Poiché è abbastanza chiara e di dimensioni modeste, può essere difficile da notare quando si osservano questi pesci.

Questo crea un aspetto divertente a prima vista.

Perché la pinna è difficile da vedere e questi pesci hanno quel peduncolo caudale lungo e sottile, sembra che stiano nuotando senza niente dietro. Quando si muovono, le pulci di pisello nano possono sembrare una piccola goccia verde!

Per quanto riguarda il colore, il corpo di questa specie è di un verde giallastro che si estende su tutto il corpo. In cima a questo troverete delle macchie scure di dimensioni uniformi che sono distanziate in modo abbastanza consistente. Queste macchie non sono presenti sul ventre.

I pesci palla hanno anche la classica faccia da pesce palla con grandi occhi e una bocca aperta di forma rettangolare.

Dimensioni

La dimensione media dei pesci palla è di circa 1 pollice e mezzo di lunghezza quando sono completamente cresciuti. Ovviamente non è molto grande, il che è in parte il motivo per cui questi pesci si sono guadagnati il loro nome!

E’ praticamente inaudito che questi pesci superino queste dimensioni, non importa quanto buone siano le loro cure o la loro genetica. Ci sono anomalie, naturalmente, ma per la maggior parte sono abbastanza consistenti.

Pea Puffer Care

La cura dei puffer non è così difficile una volta che si ha una solida conoscenza della specie. La sfida più grande che dovrete affrontare con questo pesce è quella di assicurarvi che i requisiti dell’acqua e della vasca siano all’altezza.

Dimensione della vasca

La dimensione minima della vasca dei Pea Puffer è di 10 galloni. Sono pesci attivi che amano avere spazio per nuotare e nascondersi.

Se riuscite a gestirlo e volete dargli il miglior habitat possibile, vi consigliamo qualcosa di più vicino ai 20 o 30 galloni. Fare il miglio in più e fornire loro un po’ di spazio in più farà una grande differenza nella loro salute e nella qualità della vita nel corso degli anni.

Se avete intenzione di tenere più di un pea puffer nella vostra vasca, aggiungete altri 5 galloni per ognuno.

Parametri dell’acqua

I pea puffer nani possono essere molto sensibili ad un cambiamento in qualsiasi livello della vostra vasca. Questo significa che non solo dovrai monitorare lo stato dell’acquario, ma essere pronto ad agire se qualcosa cambia.

  • Temperatura dell’acqua: da 72°F a 82°F
  • Livelli di pH: da 7 a 8
  • Durezza dell’acqua: 5-15 KH

Nota dell’autore: Poiché mantenere livelli costanti è così importante, si consiglia di ottenere un kit di test affidabile. Questa precisione vi darà la pace della mente e vi assicurerà che i vostri pesci stiano vivendo in un ambiente sano.

Cosa mettere nella loro vasca

Siccome si tratta di pesci piccoli, vorrete assicurarvi che la loro vasca abbia un sacco di posti per nascondersi. Raccomandiamo di tenerlo a mente quando si pianificano le dimensioni della vasca e quanti pesci si vogliono tenere.

I legni e le rocce possono essere utili per dare a questi pesci un posto dove nascondersi, ma le piante sono il nome del gioco. Il pesce palla pisello proviene da acque con molta vegetazione e sono abituati a fare affidamento su di essa per la sicurezza.

Se non includete abbastanza piante nella vostra vasca c’è una forte possibilità che questi pesci sperimentino elevati livelli di stress (che possono influire sulla loro salute). Il motivo è che si sentiranno sempre esposti e potenzialmente in pericolo.

Piante come l’orniello, il muschio di Java o anche alcune piante d’acquario galleggianti con radici penzolanti possono aiutare questi pesci a sentirsi al sicuro. Pensate alle piante come l’elemento di massima priorità quando allestite la loro vasca per la prima volta!

Assicurarsi che il substrato sia adatto è l’altro pezzo del puzzle. Ghiaia piccola o sabbia grossolana sono due raccomandazioni comuni perché sono molto favorevoli alle piante. Questo tipo di substrato favorisce il processo di radicazione e aiuterà le vostre piante a crescere in altezza (cosa che i piselli gonfiatori apprezzeranno).

Possibili malattie comuni

I piselli gonfiatori nani non hanno una malattia specifica della specie di cui dovrete preoccuparvi. Invece, vorrete seguire le linee guida raccomandate per prevenire e controllare le malattie comuni dell’acqua dolce.

La malattia più comune di cui essere a conoscenza è l’Ich. Se siete stati abbastanza a lungo nel mondo dell’acquario, allora è probabile che ne abbiate almeno sentito parlare.

Sebbene non entreremo nello specifico della malattia in sé, non è qualcosa che volete affrontare. Si presenta come macchie bianche sui vostri pesci e può ucciderli se non viene trattata correttamente.

Fortunatamente, è possibile ridurre drasticamente la possibilità di Ich (e molte altre malattie) se ci si prende cura della qualità dell’acqua nella vostra vasca. Un habitat ben mantenuto con acqua perfetta è quello a cui si dovrebbe mirare a prescindere, ma questa è un’altra ragione per lottare per questo.

Nota dell’autore: A causa della sensibilità dei Pea Puffer alle variazioni dei parametri dell’acqua, è ragionevole supporre che potrebbero non gestire una qualità dell’acqua inferiore alla media come altri pesci. Se state pensando di prendere questa specie, assicuratevi di impegnarvi a mantenere il loro habitat!

Cibo & Dieta

I pesci palla nani sono carnivori e nonostante il loro aspetto carino, hanno un appetito piuttosto feroce! In natura, questi pesci mangiano soprattutto piccoli insetti, larve e alghe.

In cattività, dovrete dar loro cibo ricco di proteine con un buon mix di varietà. Non si tratta di pesci che si possono nutrire con pellet e fiocchi.

Cibi congelati e vivi come vermi, gamberi in salamoia, tubifex e larve di zanzara sono perfetti. Questi daranno loro i nutrienti e le proteine di cui hanno bisogno, e serviranno anche come una grande fonte di arricchimento.

E’ importante assicurarsi di non sovralimentarli per il bene della loro salute. A causa del loro appetito, è abbastanza facile dare a questi pesci troppo cibo. Puntate su un programma di due pasti al giorno.

Un’altra ragione per cui è male nutrire troppo il vostro pea puffer è l’effetto che il cibo extra può avere sulla qualità dell’acqua. Il cibo non consumato si deposita nella vasca e comincia a decomporsi. Questo processo comprometterà lentamente l’acqua della vasca e causerà un aumento dei nitrati e di altre sostanze.

Comportamento & Temperamento

Questo è uno degli aspetti più comunemente fraintesi della cura dei pea puffer. Molti potenziali proprietari pensano che questi pesci siano probabilmente innocui a causa delle loro dimensioni e del loro aspetto adorabile.

Sbagliato.

I Pea puffer sono pesci molto esuberanti e aggressivi che non hanno problemi a combattere con altre specie (o tra loro). Questo è il motivo per cui è così importante dare loro abbastanza spazio per sentirsi a proprio agio e stare lontano da altri pesci.

Raccoglierli troppo vicini l’uno all’altro è una ricetta per il disastro a causa della loro natura territoriale. Tuttavia, se gli viene dato spazio sufficiente e posti in cui nascondersi, questa specie viene regolarmente trovata in secca.

I soffiatori di mare sono anche piuttosto attivi. Questi pesci sono abbastanza curiosi per natura e non possono resistere a controllare diverse parti della loro vasca.

Forse li vedrete indagare il substrato, le piante, gli altri pesci e anche voi! Questo li rende molto divertenti da osservare come proprietario. Non c’è mai un momento di noia!

Pea Puffer Tank Mates

Trovare i giusti compagni di vasca dei Pea Puffer è qualcosa con cui molti proprietari lottano. La loro natura territoriale e aggressiva significa che non è possibile accoppiarli semplicemente con qualsiasi pesce di dimensioni simili.

La cosa più sicura è prendere un pesce palla nano e tenerlo da solo. Questo assicurerà che non ci siano combattimenti e vi permetterà di cavarvela con una vasca più piccola.

Ma non è molto divertente, e il fatto che a questi pesci piaccia stare in banco significa che probabilmente apprezzeranno un po’ di compagnia.

Se avete intenzione di tenerli in una vasca di sole specie è importante ricordare due cose. La prima è che avrete bisogno di dare ad ogni pesce abbastanza spazio (un extra di 5 galloni per pesce). La seconda è quella di includere molte piante nell’acquario in modo che ci sia spazio per nascondersi.

Fare questo aiuterà ad evitare che questi pesci si diano sui nervi e inizino a combattere. Nonostante le loro dimensioni, possono fare molti danni l’uno all’altro se non vengono controllati.

Se si vuole ospitarli con altre specie, ecco cosa bisogna cercare:

I pesci devono essere di dimensioni simili e in grado di allontanarsi quando necessario. I Pea puffers sono mangiatori di pinne e infastidiscono i pesci lenti. Ovviamente, anche i pesci grandi dovrebbero essere evitati perché possono ferire o mangiare il vostro pesce palla nano.

Questi sono alcuni compagni di vasca che vale la pena considerare:

  • Kuhli loach
  • Otocinclus
  • Neon tetra (sia normali che verdi)
  • Ember tetra
  • Danios
  • Gambero ciliegia

Nota dell’autore: Il temperamento individuale del vostro puffer giocherà un ruolo in quanto è ragionevole accoppiarlo con altre specie. Imparerete a capire il vostro pesce con il tempo, ma se non siete sicuri non è mai una buona idea rischiare!

Allevamento

Il processo di allevamento dei nani è qualcosa che chiunque può fare, a patto di avere le risorse e le conoscenze appropriate.

Per la maggior parte, vi atterrete a molte delle linee guida della vasca che abbiamo elencato prima. La differenza principale qui è che potreste tenere questi pesci più vicini l’uno all’altro, e riscaldare l’acqua.

Sollevare l’acqua all’estremità superiore della gamma raccomandata è un buon punto di partenza (obiettivo 79°F a 80°F). Questo riprodurrà la temperatura dell’acqua in natura durante la stagione della riproduzione.

Alcuni proprietari raccomandano di usare una vasca di riproduzione per ottenere i migliori risultati, ma altri ritengono che non sia necessario. Se si vuole usare una vasca di riproduzione dedicata, è meglio prenderne una che sia grande quasi la metà di una normale vasca per due pesci.

Quando i due pesciolini sono pronti a riprodursi, il maschio seguirà la femmina in una zona piantumata dell’acquario dove feconderà le uova. A questo punto dovrete semplicemente lasciare le uova da sole per qualche giorno.

Una volta che gli avannotti si sono schiusi e il tuorlo è sparito, dovrete iniziare a nutrirli. I gamberetti in salamoia sono una grande fonte di cibo che aiuterà questi piccoli pesci a crescere.

Concludendo

La cura dei piselli nani è un processo molto gratificante e piacevole. Questi pesci sono un piacere da tenere, e abbiamo sentito numerosi proprietari che dicono che prendere questa specie è stata una delle migliori decisioni che abbiano mai preso.

Dal loro aspetto carino al temperamento attivo, è una barca di divertimento guardare questi pesci. Sono una specie d’acqua dolce unica e diversa nel miglior modo possibile.

Chiunque si prenda il tempo per capire gli elementi chiave della cura dei pesci palla sarà in grado di allevare questi pesci e dar loro una vita fantastica. A causa del loro numero decrescente, lo dobbiamo a loro per fare le cose per bene!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *