Se avessi investito in Microsoft 10 anni fa, ecco quanto avresti ora

Mentre Microsoft è stata costantemente in prima linea nell’innovazione tecnologica, ha anche affrontato delle sfide.

Il 18 maggio 1998, Microsoft è stata citata in giudizio dal Dipartimento di Giustizia per presunta violazione delle leggi federali antitrust, un caso che è stato paragonato alle recenti indagini antitrust del DOJ contro Google.

Durante il processo, il governo ha sostenuto che Microsoft ha agito illegalmente come un monopolio rendendo difficile per i consumatori installare software concorrenti sui computer Windows.

Inzialmente riguardo al caso, Microsoft ha detto che una volta che un PC Windows si avvia per la prima volta, una persona può “impostare il PC per visualizzare un altro programma software concorrente offerto dal produttore del PC o installato dal consumatore ogni volta che il PC viene acceso”. L’azienda ha detto che il caso era “completamente infondato” nei depositi del tribunale un paio di mesi dopo.

Nel giugno 2000, Microsoft ha perso la causa ed è stato ordinato dal DOJ di dividere la sua azienda in due parti, con una metà che possiede i suoi sistemi operativi e l’altra che possiede prodotti software. Tuttavia, la sentenza è stata ribaltata nel 2001 da una corte d’appello federale.

Una sentenza finale del 2002 ha imposto diverse regole a Microsoft che avevano lo scopo di fornire una migliore esperienza ai consumatori e un campo di gioco più equo per le altre aziende tecnologiche. Per anni, dopo l’accordo, Microsoft ha presentato relazioni che documentavano la sua conformità.

Salta al 2013 quando Microsoft ha acquisito l’operatore di telefonia mobile Nokia per 7,6 miliardi di dollari. Questo è stato il tentativo di Microsoft di entrare nello spazio mobile, soprattutto perché l’acquisto è venuto con il portafoglio di brevetti di Nokia. Tuttavia, solo due anni dopo, nel luglio 2015, Microsoft ha annunciato di aver cancellato l’accordo e tagliato 7.800 posti di lavoro nel processo. Microsoft voleva razionalizzare il suo business telefonico a breve termine per “concentrarsi meglio e allineare le risorse”, ha detto un comunicato stampa della U.S. Securities and Exchange Commission.

Nonostante la partnership di breve durata di Microsoft con Nokia, i suoi sogni mobili non hanno iniziato e finito lì. Nell’ottobre 2010, Microsoft ha lanciato il suo primo Windows Phone, a partire dal Windows Phone 7. Alcuni altri modelli di Windows Phone, tra cui Windows Phone 8 e Windows Phone 8.1, hanno colpito il mercato prima che Microsoft si ritirasse dalla telefonia mobile a causa del forte richiamo di Android e Apple sul mercato.

Entro il 2017, Joe Belfiore, vice presidente aziendale di Microsoft, ha annunciato in una serie di tweet che la società non avrebbe più sviluppato nuove funzionalità o hardware per i prodotti Windows Mobile, e nel 2019, il gigante tecnologico ha annunciato ufficialmente la fine del supporto di Windows Phone da parte di Microsoft.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *